Category Archives: Archival Material

Regula Bleuler: Sources

By Adrina Schulz, 5/1/2021.

Staatsarchiv des Kantons Zürich (STaZH) A.27.141, Case of Regula Bleuler.

(working transcription, there may be errors; thanks to Nicole Zellweger for her help with the transcription)

i.

Wie sie heiße?

Regula Bleuwler.

2.

Wo her?

Aus der Eyerbracht.

3.

Wie alt?

Etwann 25. jährig.

4.

Warum hier im Öetenbach im Verhaftt?

Es werde leider, Gott erbarm, Euch meiner gnädigen Herren wol bekannt seyn.

5.

Sie solle dermahlen einen richtigen Bescheid geben, warum sie eigentlich zugegen?

Sie habe einen kerli verschinen Frytag nach mittag ungefahr um i. uhren zu Seebach angetroffen, der mit Ihro nacher Eglisau gegangen; hernach aber außert Eglisauw hinder einer Scheür bey den arm gezehrt und gsagt, müß ihme zwillen werden und es ihro thun; und disem nach, schon sie sich deßen bestermußen gwehrt, bey ernannter Scheür am boden beschlafen.

6.

Ob sie aber zu vor mit selbigem nicht auch den einkehr gemacht, und trincken geholffen?

Ja, zu Bülach in einem Schenckhaus, sammt noch einem andern ihro unbekanten weibsbild.

7.

Wer aber diser manns Persohn eigentlich seye?

Habe geheißen sey ein Eglisauwer und verehlichet, jedoch selbigen zu vor niemahlen gesehen noch gekennt.

24.

Von wem sie den beyligenden brief her habe?

Von einen geistlichen Herren zu Rheinauw, zu dem sie 12. wochen lang gegangen, und bey ihme gelehrt habe.

was denn?

die  X. Gebott, und den Rosen-kranz

25.

Wer sie aber veranlaset, dahin zu gehen?

Niemand, sonder sey aus sich selbsten dahin gekehret.

26.

Ob sie ihmme auch gsagt, woher sie eigentlich seyn möchte?

Ja

27.

Ob aber auch, worum sie hinweg?

Ja, habe gesagt, sey deß Lands verwisen worden.

28

Was sie sonsten zu Rheinauw weiters thun müßen nachdem sie beschriben mäßen daselbst unterrichtet worden[?]

Sie habe zum Althar zum Mutter Gottes-bild knien müßen. Darbey sey diser pfaff, 1. männ und eine Frauw sammt dem Mesmer gewesen; und harauf ihre finger auf ein buch legen, jedoch kein wort reden müßen.

29.

Wie lang es sieth dem, daß diß alles beschehen?

Ungefahr ein 1/2 Jahr.

30.

Ob ihro aber auch etwas auß dem Closter gegeben worden?

Ein juppen, und 5 R. an gelt.

Bishops and Domestic Violence: Sources

By Isabel Harvey, 21/12/2020.

Archivio Apostolico Vaticano, Congregazione dei Vescovi e Regolari, Positiones, 1605, Lett. B-F. Bologna.

Letter from the Bishop of Bologna to the Congregation of Bishops and Regulars.

Alli mesi passati fu concessa licentia da questa sacra Congregatione à Lucretia Pasi da Bologna d’intrare un Mon.rio et ivi dimorare sino per tutta sua vita, perche correva pericolo d’esser velenata, ò in altro modo perdere la vita per mano di Leazo Garganello suo marito, per causa che volendo alli anni passati detto suo marito tenere una meritrice in casa et nel proprio letto cond.a sua moglie, et più volte havendola malamente battuta essa fu astretta ricorrere à Monsignore Arcivescovo. Et mostrandoli le percosse, et li mali deporti di detto suo marito otenne licentia di starsene in casa de suoi parenti separata da esso et benche detto suo marito per fuggir d’esser astretto à darli li alimenti ottenne per due sentenze che essa dovesse ritornare con lui et desse egli come asserisce sigurtà di non offenderla. Nondimeno Monsignore Arcivescovo et Monsignore Vicelegato informati delle mali qualità di quest’homo et del pericolo della vita di questa donna non hanno mai voluto far esseguire le dette sentenze anzi con sue lettere hanno informato questa sacra Congregatione et persuaso à non permettere, che habitino insieme; come ne farà fede Monsignore Gesso. Hora adunque che detta Lucretia è intrata nel Monasterio et si procede con detto Galeazzo per li alimenti, havendo presso di lui beni per scudi 5000 dilla dote di detta sua moglie, egli ricorre alle Signorie loro Illustrissime dimandando che la vole presso di se sotto colori come esso dice che habbi preso moglie per goderla, et non per starsene separato […].

Et primo perche non è vero che habbi animo sincero di volerla presso di se, ma lo fà per non darli gl’alimenti nel Monastero benche habbi detti beni per scudi 5000 di dote, poi per più commodamente et copertamente forse privarla di vita.

2o. perche egli più volte ha fatto instazia che intrasse un monasterio come per fede si da in mani di detto Reverendissimo Monsignore Gesso si che si scopre che se essa se ne stasse senza dimandarli gl’alimenti, che lui non cercheria che andasse appresso di lui.

3o. Perche i mali disporti di quest’homo non solo sono sofficienti à causar che se ne stià separata, ma anco sariano sofficiente per far il divortio.

Cioè per la molta sua sevetia in batterla la quale molto si deve attendere con donna nobile come è questa et che ha portato 5000 scudi di dote.

Poi per l’adulterio comeesso, et tante volte retirato da detto suo marito, anzo nel quale anco horà si ritrova

[…]

Letter from Galeazzo Garganello to the Congregation of Bishops and Regulars.

Gio. Galeazzo Garganella da Bologna devotissimo oratore di Vostra Signoria Illustrissima doppo esser stato alcun tempo con Lucretia Pasi sua moglie, essa sedotta da Maligni, tentò contro di lui il divortio per tre sentenze conformi la prima del Vicario, la 2a della Rota di Bologna, la 3a da Monsignore di Vigevane Vice legato all’hora di Bologna gli fu relassato […]. Et quando l’oratore pensava conseguire l’effetto di tante spese fatte per cinque anni continui doppo haver causato, et assecurato la moglie con grossissima sigurtà da un ordine di Vostra Signoria Illustrissima fu impedito comandando che fosse posta in un monastero. Ma perche Monsignore Illustrissimo l’oratore prese moglie per haver successione, et anche per non haver il dono della continenza, et ha per giustitia per tre conformi ottenuto che detta sua moglie torni con esso lui, non havendo sofficiente causa di star separata. Humilmente hora ricorre à Vostra Illustrissima supplicandola restar servita di non Impedir la giustitia comandando al moderno Vice legato, e non all’arcivescovo qual’è sospettissimo all’oratore, che faccio esseguire il suo mandato, che il tutto si riceverà per gratia. 

“My Father Refuses to Approve my Marriage”: Paternal Authority and Feminine Freedom. Sources

By Isabel Harvey, 26/11/2020.

Archivio Apostolico Vaticano, Congregazione dei Vescovi e Regolari, Positiones, 1605, Lett. R-S. Rimini.

Letter from Roberto Faitani to the Congregation of Bishops and Regulars.

Io Roberto Faitani umilissimo servidore delle Signorie Vostre Illustrissime e Reverendissime con ogni affetto à me possibile espondono di novo, cioè, che dal mese d’Ottobre 1603 in quà fui ricercato per mezo di m. Battaglino Battaglini, et di m.a Giovanna sua moglie di dare una mia figliola, chiamata Margherita ad un certo Alessandro detto de Pellegrini, se ben’in vero non è, poiche l’padre si chiamava il Cardinale, hoste del Cesenatico, sua habitatione per longo tempo, havendo esso Alessandro un suo fratello habitante nella Catolica. Et io risposi non la voler dare ultimamente, fe l’anno il venerdi santo prossimo passato, essendo di nuovo domandato dal sudetto Battaglino gli fece rispondere, che dovesse attendere à fatti suoi; et che per amor d’Iddio mi lasciasse stare, et incontinente andai in casa sopragiunto della collera dieda a detta mia figliola alcuni pugni, et poi me ne andai al Domo all’ufficio. La sera quando tornai à Casa trovai detta mia figliola esser andata a casa del sudetto Battaglino che la moglie era venuta per essa, sentendo questo io andai per essa, et non ci fu ordine, che vuole essere, che la ritornasse: et all’ultimo andai dall’Illustrissimo signore Governatore il qual fù necessitato venire in fatto, ne tan poco vene à casa, che detto Battaglino mi disse in faccia, presente il suddetto signore Governatore, è moglie di Alessandro Pelegrino, Io lo feci trattenere, dove quando fù essaminato, disse, hò detto quelle parole, acciò ch’el padre si dovesse contentare più facilmente: mà dopo tre, o quattro giorni fù posta in un Monastero di monache, dove vi stà anco al presente, e v’è stata da sei mesi e più, e poi fu ricercata dall’Illustrissimo et maesto reverendo Signore Vicario del maesto Illustrissimo e Reverendissmo Monsignore Vescovo della volontà sua, ella disse, di voler far la volontà di suo padre: Onde de li à due giorni, senza che fosse ricercata da veruno, disse liberamente volersi far Monaca, et è stata in questo proposito da tre mesi, et Io per questo gli hò fatto dare alcuni panni per il suo bisogno, conforme all’uso monacale; mà poi s’è mutata di parere per le subornationi fatte dare da detto Pelegrino, il quale havendo conosciuto la volontà mia più, et più volte, dovea quietarsi; mà come quello mal nato hà procurato di valersi di mezo cattivi; cioè di un putto che stava in casa mia, et d’una ribalda serva e con questi mezi ha subornato detta mia figlia con molte promesse fatte a questi medani; et anco datali denari, e robbe per lor vestire, si come si proverebbe, et altre cose indegne; Onde ricorre alle Signore Vostre Illustrissime e Reverendissime a pregarle, e supplicarle, che vi vuoglino pigliar rimedio à tal fatto, et assassimanente con tanto brutto, e di malissimo essempio, si perche altri non hebbino tal’ardire di machinare alla famiglia altrui, come anco io non sia necessitato con tre figli maschi, dui di età di 30 e più anni, et una femina d’anni 14 in circa à pigliar cioè si suol dire, la mala via: Perché mai mai si per comportare tanto assassinamente, che uno vuoglia il mio sangue a forza; più tosto metterci mille vite, se l’havessi, che far questo: Però supplicandola, desidero mi compatischino, et ordinino, che si Monache detta mia figlia sicome havea promesso, overo si mariti à mia, e sua sodisfattione, e con debiti mezzi, che vi sia prima l’honor del Signore dio et poi il nostro, soccedendo in contrario, non siamo mai per comportarlo, e bisognando si proverà, quanto nel presente foglio hò detto et anco assai più ho tacciuto, per non disturbarla la mente. Il che, io con tutti li miei figlioli ottenendo, riceveremo dalla lor clemenza, et bona giustizia…

The Pastor and the Prostitute: Part II: Sources.

By Adrina Schulz, 30/06/2020

Staatsarchiv des Kantons Zürich (STaZH) A 9.2, Nr. 9. 

(working transcription, there may be errors)

1.         Herr Hanns Ochßner Predicant an der Spanweyd zeigt an vor vier jarren er syner geshëfften wëgen zu Clootten gewëßen unnd wie er sëlbiger nacht thrungkner wyß das Niderdorffer Thor beshlossen gefunden er zu dem Oberdorffer Thor khert daselbsten er nit yngelassen worden unnd derhalben denn graben wider uf gangen sëlbiger zytten habe er inn genanndter Bumaninen huß lüth gespürt unnd er der ursachen auch zuo innen hin in ganngen nach ein maß wyn oder zwo thungken hëllffen unnd so bezëcht worden das er nit wüssen möge was personnen domalen an gemëltem ortt gewëßen doch sigen es keini burger nit gesyn unnd als die anndern hinweg ganngen habe gedachte Bumanin ime küssi Inn die stuben gebracht item nach dem er einen schlaaff gethan were sy nach inn der stuben gewëßen unnd er morgens gesëchen das ir eheman (denn er sëlbiger nacht Inn der kamer gespürt) mit der ax uß dem huß ganngen unnd diewyl nun er verstannde das sy inne sy beshlaaffen habe angegëben welle er dessen gichtig syn unnd sy nit laugnen wiewol er wëgen thrungkenheit unnd (reverenter zmelden) synes lybs bruch nit wüssen möge was er mit iren verrichtet haben möchte unnd habe er uff ir begëren erhalter ursachen wëgen unnd das die sachen vershwigen belybind Hanns Jacoben Ziegler dem pfister von irtwëgen fünff guldi bezahlt unnd der Edelman dritthalben guldi unnd acht shilling von ime empfanngen ob aber ir eheman der ime auch gëlt gehöüshet gewüsst was ursachen sy gedachte ansprach gethan könne er nit sagen

Nuns and the Forgery of Their Accounts: Sources.

By Isabel Harvey, 18/06/2020

Archivio Apostolico Vaticano, Congregazione dei Vescovi e Regolari, Positiones, 1605, Lett. M-P. Perugia, Tutti i monasteri.

Letter 1: The secular authorities of Perugia ask Rome to authorize their bishop to review the accounts furnished in 1601 by convents. 

Perche nella notola dell’intrate de’ Monasterij di Monache di Perugia, mandata à cotesta sacra Cong.ne l’anno 1601, si pretende siano errore di molta consideratione, cagionati massime dalle Monache istesse, le quali non ne diedero la giusta assegna; supp.ca humiliss.te detta Città  la sacra Congregatione à degnarsi di ordinare, che si vedano di nuovo dette entrate puntualmente da Mons.re Vescovo, et Mons.re Vicelegato di essa col’intervento di due Cittadini, et di rimandarle ne poi nuova notola, assinche possa pigliare quella resolutione che a essa più piacerà. Che tutto…

Letter 2: The secular authorities of Perugia explain their point of view on the economic reform and ask for an independent commissioner to be sent by Rome to investigate the situation in the women’s monasteries. 

Fu già del Vescovo di Cagli Visitatore Apostolico in conformita del sacro Concilio prefisso il numero in ciascuno Monastero di Monache della Città di Perugia secondo le forze dell’intrate loro, le quali in quel tempo furono molto ben viste, et considerate; Il quale numero fu poi anco confirmato, et accresciuto da Mons.re Bossop. et Mons.re Ercolani Vescovi di d.a Città secondo l’accrescimento dell’intrate, et con d.o numero hanno sempre vestito, et le monache sono del continuo vissute comodossimamente. Piacque alla sac. Cong.ne de Vescovi l’anno 1601 di dar ordine al moderno Vescovo, che col’intervento di alcuni Cittadini dà deputarsi dal magistrato, si dovessero rivedere l’intrate di ciascun Monasterio, et dar bene poi conto. Fu eseguito detto ordine; Ma perche detti Cittadini non furno chiamati in tempo, et non intervennero à fare il calcolo, et meno le monache istesse, pensando di fare le conditioni loro migliori, diedero la giusta assegna. Ne nacque, che essendo detta notola piena di errori, et Mancamenti, è stato diminuito il numero in tredici Monasterij  della Città di duecento trenta quattro luoghi in pregiud.o gradissimo dei Cittadini poveri, li quali havendo ripiene le loro case di zitelle non possono per la povertà loro ne maritarle, ne monacarle, restando in grandissimo pericolo, et gelosia del’honestà loro per molti accidenti, che possono nascere: Onde si ricorre per rimedio ai S.mi Piedi della S.tà V. supplicandola humiliss.te che si degni concedere a d.a Città un Commissario Apostolico con auttorità di rivedere dette intrate, affinche fatta la debita diligenza si possa giustamente acrescere, ò sminuire il numero prefisso delle Monache, dove, et secondo si troverà soprabbondanza, ò mancamento di entrate; E perche la Città non ha modo far la spesa di un Comissario, che venisse a posta di Roma, si mette in consideratione alla S.V. la persona di qualche Vescovo con vicino, ò di qualunque Abbate de Monasterij di quella Città, o di Mons.re Vicelegato, ò pure dell’Ill.mo Sig.re Cardinale Bevilacqua legato. Assicurando V. B.ne che per una volta non potrà fare a d.a Città gratia di maggiore, et di più universale sodisfattione…

Letter 3: The secular authorities of Perugia ask Rome to accelerate the decision-making process about the convents’ financial situation.

Piacque alli giorni passati à cotesta sac. Cong.ne à preci della Città di Perugia di ordinare, che si debbano rivedere l’intrata de’ Monasterij di Monache di essa da Monsig.nre Vescovo, et Mons.re Vilegato unitamente. E perche d.o Mons.re Vescovo si trova hora in Roma, dove, si dice sia per trattenersi qualche mese supp.ca l’istessa Città le SS. VV. Ill.me che per più celere espeditione del negotio, piaccia loro cometterlo insieme con d.o Mons.re Vice legato al Vicario di esso Mons.re Vescovo. Che tutto …

Letter 4: The accounts of the convent of Sant’Antonio di Padova (Perugia) given by:

Soror Gabriella Ministra 

Sor Eustochia Vicaria

Sor Lafemia; Sor Raffaella; Sor Marta; Sor Agnes; Sor Victoria

Il Monasterio nostro di S. Antonio di Paduva di Perugia … R.di Padri che ha annui tam.te di Intrata come più abasso li diremo e cosi sinceramente et per la verità deciamo e Referiamo alle Paternita loro come figlie d’obedietia e per obedire  al precetto fattoci dalle R.P. loro et de ordine del molto R.do P. Ministro mio superiore

Di grano annuatamente computato un’anno col’altro raccoglio il nostro Monasterio ne suoi beni some octanta e di avantaggio quale valutato a scudi 5 la soma fanno la somma de scudi quattro cento : some 80 =  400

Di Restituigli circun’anno raccoglio some dieci, et oltre quale valutati a scudi quattro la somma fanno scudi quaranti: some 10 = 40

Di Vino annuatamente comp.to uno anno col altro raccoglie Barili quattrocento che valutati a paoli cinque il Barilo fanno scudi doicento: barili 400 = 200

Di olio ciaschuno anno mezz.ni venti et oltre che a paoli 20 il mezz.no fanno scudi quaranti: mezz.ni 20  = 40

Di Denari di censi e Pigione di case caschuno anno scudi cento et oltre : Pig.ni e censi   = 100

Dalla Comunità di Perugia per fare stelleti. annuamente scudi diaciasette = 17

Da suore Particolari per lassite fatte loro da loro parenti ciascun anno scudi cento tre = 130

Datecime de suore in tutto de numero 30 a ragione di scudi otto per suora che cosi hanno obbligho di dare al monastero al meno in tutto scudi trecento dodici = 312

Da Intrata di sette suore morte da poiche fu prohibito il vestire suore a Ragione di scudi vinticinque per suore fanno scudi 175 = 175

Dalla vendita di strillati che si vendano ordinariamente a diversi ciascuno anno scudi 20 in circa = 20

Da… mille di carne porcina… ha per l’abisogno del monasterio ciascun anno da suo beni val.ta a pauli Vinticinque, il cento scudi 22 e mezzo = 22,5

Da some mille di legna che ciascun anno si fanno et tagliano ne bene del monasterio e si recevino di elemosina a rag.e di scudi quindici la soma, scudi cento cinquanta = 150

Da … 900 di sale quale hanno annuatamente dalla R. Camera Apostolica ch’è quasi l’abisogno del Mon.rio scudi sei in circa = 6

Sommano in tutto le sopradette intrate arrivatamente come si vede scudi mille sei cento dodici e cinquanta = 1612,5

The Pastor and the Prostitute: Part I: Sources.

By Adrina Schulz, 01/05/2020

Staatsarchiv des Kantons Zürich (STaZH) A 9.2, Nr. 3.

(working transcription, there may be errors)

27. herr Hans Göldi pfarers zu Mur ärgewöhnisches a{uo}fführen, mit einer dirn auf dem helmhauß 1587

den 19 te [Septem]bris 1587

wyßunng

herr Hannsen Gölldi pfharherr z{uo} Mhur belanngende wiewol man gloubt es syge mit den werchen nündt thattlichs vergangen so ist doch die sach ëben ergerlich sonderlich wyls frömbde personen gsëhen derhalben soll er Göldi bis jezt donstag inn Wellenberg gelegt und ein march silbers zeb{uo}s gëben und soll im mit erntst undersagt werden das er mit bishar gebruchten sachen nit mehr komen, dann dise das letst syn sölle, Anen Mentags den 25ten Septembris Ano 87

pitten herr Kambli und beid reth

edlenn vestenn fromen fürsichtigen eersamen und wyßenn innsonnders gönnstigenn gnnedigem liebenn herren nachdem unns fürkomen unnd verstänndigot wordenn wie das herr Hanns Gölldi pfharherr zu Mhur sich Inn jetz letst halltenndem jarmergkt nachts unnder dem hällmhuß mit unnd gägenn einer gmeinen mätzenn etlicher gstallt gar argwönnisch erzeigt unnd das etlich wälltsche kremer erzellter maßen inne funnden haben söllenn deßhalben haben wir nachbemällte personnen für unns beschigkenn unnd innen söliches fürhallten lassen ob doch demsëlbigenn allso sige oder nit daruff sy unns (wie hernnach vermälldot wirt) allso berichtet erstlichenn 

Moritz Benneradtein kremer vonn Urburg. Alls er mit annderen meer kremeren verschinner mittwuchenn zu nacht um acht alld zwüschendt nün unnd achten uß dem wirtzhuß keerdt unnd unnder das hällmhuß zu irenn stännden alld bädenn mit liecht ganngen hete er inn dem sch{uo}macher winngkell ein gemeine gesächen hinnder deren were herr Hanns Gölldi sitzen gewäßenn denn sy also staannd mit irer büppen tegkenn unnd das liecht ablöschenn wellenn das er aber gesächenn das er etwas tadtlichs alld lybliche werch mit iren volbracht könne er nit sagenn alleinn aber habe er zu ime gesagt das zime synnem stannd gar nit hiemit er inn zornn gëgenn ime erwachßen allso das er mit tadtlicher hannd gëgen ime gefharenn er sige aber mit ime zufridenn unnd überkhomenn

Moritz Gydonnis ouch ein kremer von Lucernn er habe nüdt annders gesëchenn dann das ein gemeinne dirnn herr Hannß Gölldi mit irer Büppen degkenn wellenn

Wilhälm Schomal ouch ein kremer uß dem Augstall er habe gesëchenn das herr Hanns Gölldi hinnder der mätzenn gewäßenn aber mit irenn nützit ußgericht allein hab sy inne wellenn vertegkenn unnd das liecht ablöschenn

unnd letstlich bezüget Gabriel Laba auch ein kremer unnd uß dem Augstal glych wie oberzellterr Schomal unnd Gydonniß

nach wellicher Jetzverschribnner personnen sagen wir (vom wëgen unnsërs thragennden ampts unnd habennden befelchs) genannten herr Hannsen Gölldi für unns citierenn unnd beschrybenn lassen. (der dann ganntz gehormsamlich komen unnd erschinnen) da wir ime mit allem ernnst dißers (wie jetzgehördt) fürhallten lassenn der daruff diserenn bescheid allso gëb:en er habe etlicher sachenn halber alhei by sonnderbarenn personnen z{uo}th{uo}n gehept unnd nnachgänntz einnen thrunngk mit einannderen gethan unnd (leider) zimlich thrunngken ouch nachts unnd sonnders vonn einem synner g{uo}ten gönneren das er by ime über nacht belybe gepëtenn wordenn das er ime abgeschlagen unnd willenns gewäßenn zu synnen töchterenn so alhie wohnnende z{uo}kherenn hiemit über die ober bruggen ganngnenn unnder das hällmhuß komenn unnd etliche kremer glychfhalls ouch da were ein gmeine dirnn gewäßenn unnd er vonn etlichen kremerenn mit worthenn zimlich Ruch sam er etwas bößes inn synnem fürnëmen habe angefharenn ouch angeredt allso das es ime unlydennlich gewäßenn hiemit die gemein dirnn für inne gestannden (unnd villicht vermeinndt vor etwas unnfhalls zu synn) sonnst hab er annders fürnëmens nit sonnders allein heim zu kherenn im sinn gehept bezüge es ouch so hoch unnd thür by synner sälligkeit unnd ehren das er mit vermällter dirnnen nützit weder vennig nach vill z{uo}schaffenn alld inn dem sinn ußz{uo}richtenn gehept pitte deßhalbenn Gott denn allmächtigenn unnd unns ganntz unnderthennig unnd zum aller höchstenn wir welltinnd doch ime söliches ganntz genedennklich verzychenn unnd nit zu dem höchstenn rächnenn unnd achtenn dann er glych (wie {zuo}vor) nachmalen bezüge das er mit gesagter gemeinen dirnnen ganntz nützit ußgericht nnach {zuo}schaffenn gehept werde es ouch kein eerlicher mann vonn Ime nit sagenn alld redenn können er wann nun wir disers alles (wie harinnen vergriffenn) gehördt unnd verstannden habennd wir unns diser sachenn halber wyter nit annëmen alld beladenn können sonnders habennd alle unnd ganntze hanndlunng geschrifftlichenn versfassenn

unnd sölliche E. E. Wten. übergëben unnd z{uo}gestellt was nun diesëlbig harinnen hanndlot unnd fürnimpt wellennd wir Unns gantz unnderthennigklich gefallenn lassenn acten iii 

zynnstags denn 19 ten herpstmonnat Ao 1587

E. E. Wten

unnderthennige burger unnd dienner an dem Eegricht

1601, Ferrara. Convent of Santa Lucia. Sources.

By Isabel Harvey, 17/04/2020

Archivio Apostolico Vaticano (ASV), Congregazione dei Vescovi e dei Regolari (CVR), Positiones (POS), 1601, Lett. C-G. Ferrara, December 16th 1600.

Con l’ultima lettera mia che fu delle 9 del corrente, darle conto a V.S. Ill.ma del disordine seguito nel Monastero di Santo Gabriello sotto la cura, e dell’ordine delle Padri Carmelitani, et a mesi passato le mandai un processo fatto dal mio Vicario contra alcuni frati, pur Carmelitani, di pratichi scandalosi, che havevano con le Monache di questo Monastero di Santa Lucia dell’istesso ordine, et in particolare contra frate Giulio in quel tempo lor confessore. Hora havendo intese che una d’esse Monache ha partorito una figliola femina ho mandato in mio Vicario à pigliarne informatione, il quale ha ritrovato per il testificate d’alcune Monache esser vero il parto, agli da issi si suppone fosse stato soffocato et sepelito in terra dalla l’istessa Monaca partoriente; poiche disepelito da due di loro et portato nel Reffetorio publicamente à vista di tutti l’altri Monache si ritrovò haver sanguinata la faccia, la quale figliola asseriscono essere del predetto frati Giulio. Il Padre Generale d’issi frati carmelitani inteso dal processo incominciato d’ordine mio, è venuto a dirmi di haver anch’egli processata et fata carcerare la Monaca, et ordinato che il medesimo si esseguisca contra il frate, il quale al presente è lontano di qua. Io però senza passare più oltra ho voluto darne conto, come fù, à V.S. Ill.ma, et diplorare seco l’atrocità di cosi scandaloso caso: degno di lagrimie digiustitio. Et qui resto facendole humilissima riverenza e pregando N.S. Dio la conservi longamente felice.

Vescovo di Ferrara

ASV, CVR, Registra Regularum (RR), 1601, 3, Carmelitani, January 2nd 1601.

Carmelitani al Vicario Generale della Congregatione di Mantova

Il caso scandaloso successo nel monasterio di Santa Lucia di Ferrara sotto posto al governo de frati dell’ordine della P.V. merità d’esser deplorato, et che in un istesso tempo sia castigato quello che si pastore diventato lupo ha rapito la pecorilla. Nostro Signore però al qual è dispiaciuto grandemente tanto brutto successo ha fatto commettere la causa al Signore Cardinale S. Clemente collegato in Ferrara et ha voluto che questi Ill.mi m. Sig.ri diano ordine a lei col mero di questo mia che debba subito far consegnare a S.S. Ill.ma il processo fatto sopra ciò dali suoi frati in Ferrara. Et che in un’istesso tempo dia ordine che frate Giulio il quale per diligenza della R. V. si trova carcerato a Parma sia quanto prima et sicuramente condotto alla medema città di Ferrara, et consegnato in potere del Signore Cardinale.

Collegato. Avvertendo di farlo condurre in modo che non solo non fugga ma che non possa farsi male da se stesso, et bisognando aiuto ella potrà ricorrere con l’allegata lettera al Signore Duca di Parma, et ancora far capo al Signore Cardinal S. Clemente, acciò dia quell’indirizzo, et quel modo che parerà opportune. Et avverta bene la R. V. che si come è piaciuto la diligenza d’havere il frate nelle mani, cosi dispiacerebbe molto più se intervenisse qualche accidente nella persona del medemo frate per il quale la consegnatione et il processo venisse impedito. […] Alli 2 di Gennaro 1601.