Freedom and Adultery: Elisabetta di Giano and the Right to be Forgotten. Source.

By Isabel Harvey, 21/06/2021

Archivio Apostolico Vaticano, Congregazione dei Vescovi e Regolari, Positiones, 1601, Letter S-V, Spoleto. 26 December 1600.

Letter from Bernardino di Filippo, Elisabetta di Giano’s husband

Bernardino di Filippo da Spoleto humilissimo oratore espone alla Santita Vostra come Donna Elisabetta sua moglie remanendo heredi di m. Francesco Totis suo padre del castello di Giano dominio de Spoleto con pretesto di povedere non esser defraudata delle proventi di detta heredità partite di Spoleto di casa di detto suo marito ando al detto castello di Giano lontano X miglia in circa, dove poi per disdegno sopravenuto fra essa, et suo marito per volere vivere à modo suo continuò di stare per due anni in circa in sua liberta separatamente da suo marito et ultimamente in quello Castello fu resa gravida, ma volendo coprire il suo fallo finse essere divenuta hidropica, et per tale si fece medicare per alcuni mesi, et per meglio darlo ad intendere all’Attinenti suoi di detto Castello, se messo à letto dicendo ch’era vicino à morte, et oltre à Medici fisici fece chiamare il Parocchiano, et due Padri Cappuccini ch’assistessero à ramentarli la salute dell’anima, et in presenza di detti religiosi, et di molte donne, et homini che vi erano andati, la bona donna per permissione della divina giustitia partori una figliola femina, il che visto detti Religiosi scandalizzati di tal fatto subito fuggirno via, et fù palesi questo adulterio, ne si seppi quello che facessi del parto, onde vedendo l’adultera di non poter più nascondere tali scelaragine scrisse à Monsignore Vescovo di Spoleto bon memoria San Vitale che volesse mandarli il barigello, Corte, e Corsi ch’erano à Spoleto che l’andassero à pigliare, et condurla salva, et sicura dal pericolo che correva d’essere ammazzata da suo marito, et cosi fu eseguito, et condotta in Spoleto, fu di ordine di detto Monsignore Vescovo sequestrata in uno monasterio di Monache loco carceris. Però detto suo marito come quello che si trattava dell’Interesse, et honor suo per allora si acquietò à questa provisione fatta detto Monsignore Vescovo per haverne à fare poi quello resentimento che ricerca la giustitia in simili caso de Adulterio. Hora l’è venuto à notitia che detta Elisabetta come quella che è amezza al male havendo narrati molte bugie in uno memoriale suo dato all’Illustrissimo Signore Cardinale di Fiorenza tenta di esser rilassata del luogo dove detto Monsignore Vescovo per temperamento, che li parsi allora pigliar per minor male l’haveva sequestrata. Però detto oratore ricorre alli Santissimi piedi di Vostra Beatitudine fecendola capace di questo misfatto, et supplica humilmente la Santita Sua non permetta, ch’un delitto cosi enorme debbia passare impunito onde la Donna pigli ardire di far peggio, ma che esso oratore sia inteso nelle sue ragione, et di poter conseguire il compimento della giustitia. In questo caso, et accio di remedij à qualunche maggiore scandolo, et inconvenienti che potesse nascere per la liberatione, et impunità di detta Donna…

Io Bernardino di Philippis…


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.