Death Threats and Adultery: The Words of Marital Conflict. Sources

By Isabel Harvey, 18/01/2021.

Archivio Apostolico Vaticano, Congregazione dei Vescovi e Regolari, Positiones,  1605, Letter R-S. Spoleto, September 20th 1605.

Letter from the Vicar of Spoleto to the Congregation of Bishops and Regulars

Per parte di D. Felice … di questa Città, mi à stata presentata una lettera di V.S. Ill.ma delli 5 del corrente, nella quale mi viene ordinato, che io m’informi della qualità della persona di essa Felice, et della occasione de dispareri, che essa hà esposto alla sacra Congregatione haver con Virginio Gavelli suo marito, per li quali ha supplicato per ottener licenza di poter ritirarsi nel Monasterio qui di S. Giovanni, sino che se sia accordata con detto suo Marito, et poi, che io m’informi se il Monastero sudetto sua solito tener simil donne maritate; se le Monache si accontentano di accettarla, et che donativo pensa di fare nell’ingresso oltre l’alimenti. In essecutione della quale lettera, e cosò anche instato da essa Felice, la quale in questa Città è gentil donna honorata, et per tal tenuta; et reputata; Ho trovato che l’occasione de disparere, quali se ritrovano tra questi Marito, et Moglie procede perche il Marito, dopo sei Mesi, che hebbe presa la supplicante per moglie, per quanto essa asserisce, se retirò dalla sua compagnia, habitante con una Concubina per spatio de due anni in Roma essendosi retirato per paura della Corte ecclesiastica di Spoleto, per il che tra loro ne sono nati disgusti tali, che ella giura, et protesta non volere, ne poter andare con esso Marito, per tema di qualche male irreparabile, che ella dice tener per sicuro, li sia per succedere. Dal Monastero poi, dopo havere havuto fede, come tutte le Monache si contentano di accettarla, mi vien anche fatto fede in esso essere stato solito starceve delle altre simili Donne maritate per cause tale, dicendomi anche il nome et cognome di alcune che ci sono state. Quanto al donativi mi hà risposto essa Felice voler dare cento scudi, overo non havendo alle mano al tempo dell’ingresso, ne farà obligo di pagarli in termine di poco tempo ritrovandosi ella assai commoda di facoltà ch’è quanto posso scrivere intorno a questo negotio à V.S. Ill.ma alla quale facendo humilissima riverenza prego dal Signore felice successo ad ogni suo santo …. Di Spoleto a 20 di settembre 1605. 

Vicario Generale


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.