Nuns and the Forgery of Their Accounts: Sources.

By Isabel Harvey, 18/06/2020

Archivio Apostolico Vaticano, Congregazione dei Vescovi e Regolari, Positiones, 1605, Lett. M-P. Perugia, Tutti i monasteri.

Letter 1: The secular authorities of Perugia ask Rome to authorize their bishop to review the accounts furnished in 1601 by convents. 

Perche nella notola dell’intrate de’ Monasterij di Monache di Perugia, mandata à cotesta sacra Cong.ne l’anno 1601, si pretende siano errore di molta consideratione, cagionati massime dalle Monache istesse, le quali non ne diedero la giusta assegna; supp.ca humiliss.te detta Città  la sacra Congregatione à degnarsi di ordinare, che si vedano di nuovo dette entrate puntualmente da Mons.re Vescovo, et Mons.re Vicelegato di essa col’intervento di due Cittadini, et di rimandarle ne poi nuova notola, assinche possa pigliare quella resolutione che a essa più piacerà. Che tutto…

Letter 2: The secular authorities of Perugia explain their point of view on the economic reform and ask for an independent commissioner to be sent by Rome to investigate the situation in the women’s monasteries. 

Fu già del Vescovo di Cagli Visitatore Apostolico in conformita del sacro Concilio prefisso il numero in ciascuno Monastero di Monache della Città di Perugia secondo le forze dell’intrate loro, le quali in quel tempo furono molto ben viste, et considerate; Il quale numero fu poi anco confirmato, et accresciuto da Mons.re Bossop. et Mons.re Ercolani Vescovi di d.a Città secondo l’accrescimento dell’intrate, et con d.o numero hanno sempre vestito, et le monache sono del continuo vissute comodossimamente. Piacque alla sac. Cong.ne de Vescovi l’anno 1601 di dar ordine al moderno Vescovo, che col’intervento di alcuni Cittadini dà deputarsi dal magistrato, si dovessero rivedere l’intrate di ciascun Monasterio, et dar bene poi conto. Fu eseguito detto ordine; Ma perche detti Cittadini non furno chiamati in tempo, et non intervennero à fare il calcolo, et meno le monache istesse, pensando di fare le conditioni loro migliori, diedero la giusta assegna. Ne nacque, che essendo detta notola piena di errori, et Mancamenti, è stato diminuito il numero in tredici Monasterij  della Città di duecento trenta quattro luoghi in pregiud.o gradissimo dei Cittadini poveri, li quali havendo ripiene le loro case di zitelle non possono per la povertà loro ne maritarle, ne monacarle, restando in grandissimo pericolo, et gelosia del’honestà loro per molti accidenti, che possono nascere: Onde si ricorre per rimedio ai S.mi Piedi della S.tà V. supplicandola humiliss.te che si degni concedere a d.a Città un Commissario Apostolico con auttorità di rivedere dette intrate, affinche fatta la debita diligenza si possa giustamente acrescere, ò sminuire il numero prefisso delle Monache, dove, et secondo si troverà soprabbondanza, ò mancamento di entrate; E perche la Città non ha modo far la spesa di un Comissario, che venisse a posta di Roma, si mette in consideratione alla S.V. la persona di qualche Vescovo con vicino, ò di qualunque Abbate de Monasterij di quella Città, o di Mons.re Vicelegato, ò pure dell’Ill.mo Sig.re Cardinale Bevilacqua legato. Assicurando V. B.ne che per una volta non potrà fare a d.a Città gratia di maggiore, et di più universale sodisfattione…

Letter 3: The secular authorities of Perugia ask Rome to accelerate the decision-making process about the convents’ financial situation.

Piacque alli giorni passati à cotesta sac. Cong.ne à preci della Città di Perugia di ordinare, che si debbano rivedere l’intrata de’ Monasterij di Monache di essa da Monsig.nre Vescovo, et Mons.re Vilegato unitamente. E perche d.o Mons.re Vescovo si trova hora in Roma, dove, si dice sia per trattenersi qualche mese supp.ca l’istessa Città le SS. VV. Ill.me che per più celere espeditione del negotio, piaccia loro cometterlo insieme con d.o Mons.re Vice legato al Vicario di esso Mons.re Vescovo. Che tutto …

Letter 4: The accounts of the convent of Sant’Antonio di Padova (Perugia) given by:

Soror Gabriella Ministra 

Sor Eustochia Vicaria

Sor Lafemia; Sor Raffaella; Sor Marta; Sor Agnes; Sor Victoria

Il Monasterio nostro di S. Antonio di Paduva di Perugia … R.di Padri che ha annui tam.te di Intrata come più abasso li diremo e cosi sinceramente et per la verità deciamo e Referiamo alle Paternita loro come figlie d’obedietia e per obedire  al precetto fattoci dalle R.P. loro et de ordine del molto R.do P. Ministro mio superiore

Di grano annuatamente computato un’anno col’altro raccoglio il nostro Monasterio ne suoi beni some octanta e di avantaggio quale valutato a scudi 5 la soma fanno la somma de scudi quattro cento : some 80 =  400

Di Restituigli circun’anno raccoglio some dieci, et oltre quale valutati a scudi quattro la somma fanno scudi quaranti: some 10 = 40

Di Vino annuatamente comp.to uno anno col altro raccoglie Barili quattrocento che valutati a paoli cinque il Barilo fanno scudi doicento: barili 400 = 200

Di olio ciaschuno anno mezz.ni venti et oltre che a paoli 20 il mezz.no fanno scudi quaranti: mezz.ni 20  = 40

Di Denari di censi e Pigione di case caschuno anno scudi cento et oltre : Pig.ni e censi   = 100

Dalla Comunità di Perugia per fare stelleti. annuamente scudi diaciasette = 17

Da suore Particolari per lassite fatte loro da loro parenti ciascun anno scudi cento tre = 130

Datecime de suore in tutto de numero 30 a ragione di scudi otto per suora che cosi hanno obbligho di dare al monastero al meno in tutto scudi trecento dodici = 312

Da Intrata di sette suore morte da poiche fu prohibito il vestire suore a Ragione di scudi vinticinque per suore fanno scudi 175 = 175

Dalla vendita di strillati che si vendano ordinariamente a diversi ciascuno anno scudi 20 in circa = 20

Da… mille di carne porcina… ha per l’abisogno del monasterio ciascun anno da suo beni val.ta a pauli Vinticinque, il cento scudi 22 e mezzo = 22,5

Da some mille di legna che ciascun anno si fanno et tagliano ne bene del monasterio e si recevino di elemosina a rag.e di scudi quindici la soma, scudi cento cinquanta = 150

Da … 900 di sale quale hanno annuatamente dalla R. Camera Apostolica ch’è quasi l’abisogno del Mon.rio scudi sei in circa = 6

Sommano in tutto le sopradette intrate arrivatamente come si vede scudi mille sei cento dodici e cinquanta = 1612,5


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.